Archive

Posts Tagged ‘recensione’

The Life Of Pablo ti porta in chiesa. Ma non come Hozier.

pablo

Caro Kanye West, sono finalmente riuscito ad ascoltare The Life Of Pablo e devo dire che, dopo avermi fatto tribolare per giorni tra Tidal e il nulla, il tuo album fa schifo. E gli do 5.3, come i tuoi debiti in milioni di dollari.
Mi dispiace davvero molto, ma mi è sembrato di passare 58 minuti a messa, in una chiesa battista, con tutti che inneggiavano all’amore, alla pace, allo stare insieme, hallelujah e così via. Kg e Kg di autotune hanno minato il mio udito. Mi piacciono i breaks, i random loops, amo il tuo flow, ma suvvia. Paga EquiUSA e torna con un Yeezus 2, almeno.

Ecco il traccia per traccia via twitter mio:

 

Trk1: “Ultralight Beam” è come entrare in una chiesa battista dove fanno trap soul gospel.
Trk2+3: “Father Stretch” è un passo indietro, prima di Yeezus, ma dopo l’energia elettrica/autotune
Trk 4: “Famous“, con Rihanna che interpreta Nina Simone, primo brano supergroove + randomloop
Trk: 5 “Feedback“. Ottimo Kanye, il migliore fin’ora, flow+beat. West come Pablo Escobar.
Trk 6: “Low Lights“. Adesso basta, troppi predicatori battisti, neanche Mahalia Jackson. Eccesso di Noia Gospel
Trk 7 “Highlights“. Dopo i predicatori, non si sopporta più l’autotune. N:O:I:A:, non pensavo.
Trk 8 “FreeStyle 4“. Archi di Goldfrapp (Human) è il brano zomby, ansy, tensy e horror. Mai prima di nanna
Trk 9: “I Love Kanye” è un treno di autoironia. Solo voce, ma ha più ritmo degli altri. I Love you Kanye!
Trk 10: “Waves“. Trance glit hip hop + R Kelly + ballatona. Brano inutile e anonimo. Pablo è moscio
Trk 11: “FML“, ode all’amore (For My Lady Kim Kardashian West) e ai propri eccessi (Fuck My Life). No genio di Yeez
Trk12 “Real Friends“. Pablo è già insopportabile, monotono, con groove ed eleganza, ma banale.
Trk 13: “Wolves” vale ascoltarla perché a 3:21 arriva il santo soul Frank Ocean. Basta. Ascoltate Salmo
Trk 14 “Silver Surfer Intermission” sono i messaggi lasciati da MaxB e French Fontana e Stica!!!???
Trk 15: “30 Hours” parte già meglio, niente Chiesa, niente messaggi, niente massaggi. E’ persino ballabile.
Trk 16: “No More Parties In LA” – è tra le migliori GRZ a Kendrick Lamar, ed è tutto. Molto funk.
Trk 17 “Facts” parte con i random loop (Father Children), sempre Trap music ricorda molto Yeezus.

Leggi tutto…

Meglio guardare Bianco che a terra (recensione live @’Na Cosetta, Roma, 23/04/15).

Bianco

Da ilFattoQuotidiano.it

Che sia nel testo di una sua canzone, così come nelle brevi frasi per riempire gli spazi tra un brano e l’altro dei concerti, o la chiacchierata birra-e-sigaretta fuori dal locale, Bianco non sbaglia mai l’utilizzo di una parola. La parola per lui ha un valore superiore alla semplice comunicazione e ascoltando il suo ultimo album Guardare per aria, si ha la netta sensazione della semplicità con la quale tutto questo avviene. “Quello che non hai mi piacerebbe riportartelo, con un regalino un ritornello da megafono, arrampicandomi su un albero a urlartelo, quello che non hai sono io”: questa è una tipica frase bianchesca, semplice, no? Eppure basta ascoltarla una volta e diventa immediatamente un classico.

Leggi tutto…